Press "Enter" to skip to content

BREXIT: Un anno nuovo o un nuovo anno?

Con il 2021 e l’accordo trovato in extremis finisce (per ora?) la lunga vicenda della Brexit: dal referendum sempre promesso (e giustamente mai mantenuto) di Blair a quello promesso e mantenuto che è costato il posto di Premier a Cameron. L’ascesa e caduta di Therese May, infine l’arrivo di quello che non poteva che identificarsi con la Brexit ed ha avuto l’ obbligo di compiere i passi fino in Fondo: Boris Johnson.

Dal lato Ue per tutto il tempo, Michel Barnier, un negoziatore capace ed inflessibile, che forse andrà ascoltato con cura per capire quali sono e come agiscono le classi dirigenti inglesi ed europee, visto che le ha attraversate praticamente tutte negli ultimi 6 anni.

Ora, comunque, si comincia.

L’ accordo è lungo e lascia un monte di dubbi, non solo ai pescatori inglesi. All’Irlanda europea ed a quella che la Gran Bretagna ha annesso vari secoli fa che ha provato nell’ Ue una libertà economica e sociale mai provata prima, ma poi anche ai nuovi USA di Joe Biden, che certamente non mancherà di puntualizzare che le “special relationships” tra Usa e la sua ex Madre Patria  non cambiano ma le relazioni amicali di Johnson con Donald Trump ( ed anche gli affidamenti) erano forse eccessivi.

Insomma, se si vuol stare un passo dietro le polemiche (la fine dell’ adesione della Gran Bretagna ad Erasmus è un chiaro segno comunicativamente demagogico….), più attenti alle riflessioni e guardando al futuro bisogna entrare nei documenti, leggerli e scrutare la “palla di vetro” economica e geopolitica

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mission News Theme by Compete Themes.