Press "Enter" to skip to content

Il Parlamento europeo approva la nuova PAC

Il 23 novembre il Parlamento europeo ha finalmente dato il via libera alla nuova politica agricola dell’UE, che diventerà operativa il 1° gennaio 2023 e resterà in vigore fino al 2027. La partenza è stata ritardata di due anni rispetto alla data inizialmente prevista (vedi precedente articolo in MeridianaLab) a causa della concomitanza con le elezioni europee e, successivamente, dell’impatto della pandemia; di conseguenza le attuali regole della PAC, la cui prima applicazione risale al 2014, sono state prorogate dopo il 31 dicembre 2020 e sostituite da regole transitorie fino alla fine del 2022.

Una volta approvate dal Consiglio, le nuove regole saranno applicabili dal 1° gennaio 2023.

Durante i negoziati sul pacchetto di riforma legislativa, i deputati hanno insistito su alcune questioni che caratterizzeranno la nuova PAC come il rafforzamento della biodiversità e il rispetto delle leggi e degli impegni ambientali e climatici dell’UE obbligando gli Stati Membri a riservare almeno il 35% del bilancio per lo sviluppo rurale e il 25% dei pagamenti diretti a misure ambientali e climatiche.

Maggiore attenzione sarà inoltre riservata alle piccole e medie aziende agricole, sempre nel rispetto del principio dell’”agricoltore attivo” ed è stato previsto che almeno il 3% del bilancio andrà ai giovani agricoltori.

Una novità di questa programmazione è costituita dall’introduzione del cosiddetto III° pilastro o pilastro “sociale” in base al quale le norme del lavoro dell’UE nei settori agricoli saranno meglio monitorate e le violazioni saranno sanzionate grazie alla cooperazione tra gli ispettori nazionali del lavoro e gli organismi pagatori della PAC.

Un’ulteriore novità, particolarmente significativa per l’Italia, è costituita dal passaggio della governance dello sviluppo rurale dalle regioni allo stato centrale e a tale proposito sono al lavoro, già dalla scorsa estate, i tavoli nazionali per presentare entro la fine dell’anno la prima proposta di Piano Strategico Nazionale (PSN). Questo sostituirà, almeno in parte, i programmi di sviluppo rurale a gestione regionale che hanno accompagnato gli agricoltori nel corso di questi ultimi otto anni.

Il comunicato stampa relativo al procedimento di approvazione del PE è disponibile qui.

Maggiori informazioni sulla politica agricola comunitaria sono disponibili nel sito della Commissione europea.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mission News Theme by Compete Themes.