Press "Enter" to skip to content

MonitoRa Si amplia il campo di osservazione in tema di lavoro e aumenta lo “sforzo” per le regioni in ritardo di sviluppo

 

MONITORA PROSEGUE IL SUO ITER E PRESENTA GLI ULTIMI DATI AGGIORNATI PRIMA DELLA PAUSA ESTIVA. IL PROSSIMO AGGIORNAMENTO CON LA RIPRESA DI SETTEMBRE

Gli indicatori territoriali per le politiche di sviluppo, in questo ultimo mese, sono stati interessati da numerose novità, sia in ragione dell’ampio numero di aggiornamenti, che coinvolgono la stragrande maggioranza degli Obiettivi Tematici (OT) e circa la metà degli ambiti tematici, sia soprattutto per la messa in disponibilità di nuovi indicatori utili per valutare i cambiamenti nel settore dell’istruzione e dell’ambiente.

Le nuove osservazioni interessano, infatti, ben 72 indicatori territoriali, di cui 63 relativi ad aggiornamenti temporali (cfr. Figura 1), 30 dei quali rientranti nel quadro statistico dell’Accordo di Partenariato (AdP) 2014-2020, e 9 connessi a indicatori dell’AdP rilasciati per la prima volta (cfr. Tabella 2).

Gli indicatori aggiornati temporalmente afferiscono a 8 Obiettivi Tematici dell’AdP 2014-2020, anche se il maggior numero di aggiornamenti riguarda l’OT 8 “Promuovere l’occupazione sostenibile e di qualità e sostenere la mobilità dei lavoratori”, con ben 34 indicatori relativi alla partecipazione al mercato del lavoro aggiornati al 2018. Per quanto concerne gli ambiti tematici l’aggiornamento ha interessato: l’ambiente; le città; la demografia di impresa; l’internazionalizzazione; l’istruzione e la formazione; il mercato dei capitali e la finanza d’impresa; la qualità dell’aria; le risorse idriche; i servizi di cura; i trasporti e la mobilità, per i quali sono resi disponibili dati riferiti per lo più al 2017 e 2018. Per molti ambiti tematici è però da segnalare che la serie storica si ferma al 2016 (vedi settore socio-sanitario e servizi alle persone).

Figura 1. Numero di indicatori aggiornati per ciascun OT – maggio 2019


L’impatto dei nuovi aggiornamenti sulla programmazione delle cinque regioni in ritardo di sviluppo è però piuttosto modesto, infatti dei 63 indicatori aggiornati solo 8 – già consultabili sulla piattaforma MonitoRArisultano inclusi tra gli indicatori di risultato dei POR FESR 2014/2020 (cfr. Tabella 1). Il maggior numero di aggiornamenti si rileva per la Basilicata con 7 indicatori, Sicilia e Puglia con 6, seguono Calabria e Campania con 5 indicatori a testa. Gli Obiettivi Tematici interessati sono: l’OT 3 “Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese, il settore agricolo e il settore della pesca e dell’acquacoltura” con 4 indicatori; l’OT6 “Tutelare l’ambiente e promuovere l’uso efficiente delle risorse” e l’OT 9 “Promuovere l’inclusione sociale, combattere la povertà e ogni forma di discriminazione” con 2 indicatori ciascuno.

Tabella 1 – Piattaforma MonitoRA – Indicatori di risultato aggiornati per PO delle regioni meno sviluppate

Denominazione

indicatore

PO

Regione

interessata

Definizione dell’indicatore Ultimo anno disponibile
OT 3 “Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese, il settore agricolo e il settore della pesca e dell’acquacoltura”
Impieghi bancari delle imprese non finanziarie sul PIL Basilicata; Calabria; Campania; Puglia Impieghi bancari delle imprese non finanziarie sul PIL 2017
Capacità di esportare in settori a domanda mondiale dinamica Puglia Quota del valore delle esportazioni in settori a domanda mondiale dinamica sul totale delle esportazioni (percentuale) 2018
Quota valore fidi globali fra 30.000 e 500.000 euro utilizzati dalle imprese Basilicata; Campania; Sicilia Valore dei fidi globali fra 30.000 e 500.000 euro utilizzati da imprese in percentuale sul valore complessivo dei fidi globali utilizzati dalle imprese (media dei quattro trimestri) 2018
Quota valore fidi globali fra 30.000 e 500.000 euro utilizzati dalle imprese Basilicata; Campania; Sicilia Valore dei fidi globali fra 30.000 e 500.000 euro utilizzati da imprese in percentuale sul valore complessivo dei fidi globali utilizzati dalle imprese (media dei quattro trimestri) 2018
Grado di apertura commerciale del comparto manifatturiero Basilicata; Calabria; Campania; Puglia; Sicilia Export totale + Import di beni intermedi del comparto manifatturiero in percentuale del PIL (Valori in euro correnti) 2017
OT 6 “Tutelare l’ambiente e promuovere l’uso efficiente delle risorse”
Gestione dei siti contaminati Basilicata; Puglia; Sicilia Siti con procedimento amministrativo concluso rispetto al totale dei siti oggetto di procedimento di bonifica 2017
Corpi idrici in buono stato chimico di qualità Basilicata; Calabria; Puglia; Sicilia Numero di corpi idrici con acque sotterranee in buono stato di qualità chimico in percentuale sul numero dei campioni osservati 2016
OT 9 “Promuovere l’inclusione sociale, combattere la povertà e ogni forma di discriminazione”
Presa in carico di tutti gli utenti dei servizi per l’infanzia Basilicata; Calabria; Campania; Sicilia Bambini tra zero e fino al compimento dei 3 anni che hanno usufruito dei servizi per l’infanzia (asilo nido, micronidi, o servizi integrativi e innovativi) sul totale della popolazione in età 0-2 anni (percentuale) 2016
Anziani trattati in assistenza domiciliare socio-assistenziale Basilicata; Campania; Puglia; Sicilia Anziani trattati in assistenza domiciliare socio-assistenziale sul totale della popolazione anziana (65 anni e oltre) (percentuale) 2016

Fonte: Banca dati indicatori territoriali per le politiche di sviluppo.

Dall’analisi della performance rispetto ai valori fissati in sede di programmazione dai Programmi regionali emerge che in tutte e cinque le regioni sono presenti criticità che richiedono necessariamente una revisione della programmazione in atto. Lo sforzo addizionale richiesto, inteso come differenza in valore assoluto tra valore obiettivo e ultima osservazione disponibile è cresciuto notevolmente, soprattutto per l’indicatore che misura l’assistenza domiciliare socio-assistenziale degli anziani.   

A posizionarsi sotto il valore di baseline sono 4 indicatori:

  • Impieghi bancari delle imprese non finanziarie sul PIL (unità di misura: Percentuale)
Regione Baseline 2012 Target 2023 Ultimo valore disponibile (2017) Sforzo richiesto

(%)

Δ

Sforzo (%)

Basilicata 37,3 45,0 30,3 48,5 27,9
Calabria 27,9 32,0 23,0 39,1 24,4
Campania 38,9 54,0 34,3 57,4 18,6
Puglia 41,2 50,0 34,9 43,3 21,9

 

  • Bambini tra zero e fino al compimento dei 3 anni che hanno usufruito dei servizi per l’infanzia (unità di misura: Percentuale)
Regione Baseline 2011 Target 2023 Ultimo valore disponibile (2016) Sforzo richiesto

(%)

Δ

Sforzo (%)

Basilicata 7,5 9,1 6,9 31,9 10,6
Sicilia 5,5 6,6 5,2 26,9 6,9

 

  • Anziani addizionali trattati in assistenza domiciliare socio-assistenziale (unità di misura: Percentuale)
Regione Baseline 2011 Target 2023 Ultimo valore disponibile 2016 Sforzo richiesto

(%)

Δ

Sforzo (%)]

Basilicata 1,4 2,4 1,0 140,0 68,6
Campania 1,2 1,40 0,7 100,0 83,3

 

  • Grado di apertura commerciale del comparto manifatturiero (unità di misura: Percentuale)
Regione Baseline 2012 Target Ultimo valore disponibile 2017 Sforzo richiesto

(%)

Δ

Sforzo (%)

Puglia 13,8 20,0 12,4 61,3 16,4
Sicilia 15,7 30,0 11,1 170,3 79,2

 

Appare utile segnalare che per l’indicatore emissioni di gas serra è stata rivista l’intera serie storica ed è stato inserito il valore per l’anno 2015. Alcuni indicatori, inoltre, hanno cambiato denominazione.

La novità più rilevante, evidentemente, riguarda il rilascio di 9 nuovi indicatori regionali, tutti parte dell’Accordo di partenariato. Le nuove osservazioni coinvolgono il settore dell’istruzione e formazione e il settore dell’ambiente (cfr. Tabella 2). Oggetto di questi nuovi dati sull’istruzione è la valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e di secondo grado nelle discipline italiano e matematica. Le osservazioni riguardano, in particolare, gli studenti della seconda e della quinta classe primaria e gli alunni della terza classe secondaria di primo grado e della seconda classe secondaria di secondo grado.

Mentre per ciascuno degli indicatori relativi all’OT 10 è disponibile la serie storica relativa al quinquennio 2013-2018, per l’indicatore Corpi idrici in buono stato quantitativo di qualità dell’OT6 sono stati rilasciati i dati relativi all’anno 2016 come previsto dalla normativa.

Tabella 2. Indicatori rilasciati per la pima volta con l’aggiornamento di maggio 2019

Denominazione Indicatore Anno inizio

serie

Ultimo anno

disponibile

OT 6 “Tutelare l’ambiente e promuovere l’uso efficiente delle risorse”
Corpi idrici in buono stato quantitativo di qualità 2016 2016
OT 10 “Investire nell’istruzione, formazione e formazione professionale, per le competenze e l’apprendimento permanente”
Valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti della seconda classe primaria in italiano 2013 2018
Valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti nella seconda classe primaria in matematica 2013 2018
Valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti della quinta classe primaria in italiano  2013 2018
Valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti della quinta classe primaria in matematica 2013 2018
Valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti della terza classe secondaria di primo grado in italiano 2013 2018
Valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti della terza classe secondaria di primo grado in matematica 2013 2018
Valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti della seconda classe secondaria di secondo grado in italiano 2013 2018
Valutazione dei livelli di apprendimento degli studenti della seconda classe secondaria di secondo grado in matematica 2013 2018

Fonte: Banca dati indicatori territoriali per le politiche di sviluppo.

L’elenco completo degli indicatori aggiornati è disponibile al seguente link:

Comments are closed.

Mission News Theme by Compete Themes.